Made in Italy & Made in Italy

Sebbene sembri impossibile, il dato di fatto è che il settore agroalimentare in Italia non è autosufficiente.  Per  garantire le domande nazionali ed estere, si deve quindi, ricorrere al reperimento di  materie prime provenienti da altri Paesi, prassi ormai consolidata e altrettanto conosciuta dagli addetti ai lavori. L’industria alimentare italiana, pertanto, è costretta a fornirsi oltre i confini nazionali per aumentare il livello di produzione e soddisfare le richieste di tutta la grande distribuzione.

Questo rapporto, se pur necessario dal punto di vista aziendale, spesso è tradotto e condotto in cattiva comunicazione e falsa informazione, tant’ é che al grande pubblico arriva pubblicità tendenziosa, del “Made in Italy”, pur nel rispetto delle normative vigenti dello Stato italiano e dell’Unione europea sulla tracciabilità degli alimenti.

Questo stato di cose, purtroppo, non consente alle micro imprese di crescere e di sviluppare la propria azienda in termini finanziari e occupazionali e nello stesso tempo creare economia di scala territoriale, poiché non concorrenziali sui mercati nazionali ed esteri , in termini di quantità e prezzi.

Oggi è necessario cambiare radicalmente la cultura del “Made in Italy”, sostenere le materie prime di origine italiana e riconquistare il mondo dell’agricoltura, quale  valido strumento per il benessere e per il lavoro.

Le innovazioni tecnologiche e le competenze necessarie nel settore agroalimentare, devono spingere i giovani a diventare il vero volano di sviluppo del “Made in Italy” e ambasciatori della cultura e della tradizione italiana.

Distinguiamo dunque il vero prodotto italiano, frutto delle nostre cultivar, garantiamo a tutti i cibi e i gusti della nostra terra, del nostro mare e delle nostre tradizioni, nati e cresciuti in particolari ambienti climatici e naturali, sinonimo di qualità e genuinità.

Il prodotto italiano, oggi deve rappresentare l’identità territoriale e perciò deve necessariamente avere  radici italiane.

Certamente l’ambiente e il brand italiano in questi comparti offrono garanzie e certezze, e di questo ne  siamo orgogliosi, ma non di poco conto  sono le capacità e la professionalità degli italiani, sempre più qualificati e innovativi.

Lo sosteniamo fermamente, e come Accademia delle Imprese Europea, riteniamo indispensabile una seria riflessione e valutazione sui principi delle normative e dei regolamenti del settore agroalimentare,  per dare voce e forza al nostro territorio, alle piccole imprese, veri protagonisti dei valori della nostra terra, ai nostri giovani che credono, ancora, nel nostro meraviglioso Paese.

Consideriamo, pertanto i “prodotti identitari italiani” l’origine della nostra terra, il vero “Made in Italy”, “con la relativa certificazione di nascita”,  mentre possiamo dire che i prodotti lavorati e trasformati in Italia, utilizzando in parte, materie prime provenienti da altri paesi, si possono definire “Eccellenze Italiane”, dove sicuramente  la genialità e la passione della manualità italiana fanno la differenza, ma è altra cosa.

About admin

Check Also

EUROFLORA 2022, al via dal 23 gennaio la vendita online dei biglietti sul sito ufficiale

EUROFLORA 2022, al via dal 23 gennaio la vendita online dei biglietti sul sito ufficialePremiata …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *